Lascia un commento

consapevole atto

Il gesto non rende il vero, in un mondo fatto di troppe apparenze dove tutto deve essere perfetto nell’illusione totale, colma solo un momento e tutto rimane il giorno dopo vuoto……………….
O la speranza che nel cuore esiste.

Vagare nella notte è il semplice vivere di lui , nelle giornate tutto è lontano ,assente. Vede il mondo dal basso, tutto è enorme , tutto è falso per il suo modesto essere semplice in un mondo che diviene complesso nell’apparenza. Tutto è lusso ,appartenenza e lui che ricco non è,vede questo troppo distante e lo pensa unico mezzo per essere come tutti. Come fare per cambiare si dice , ma alla fine tutto è impossibile.
Un giorno come tutte le mattine si trova nel centro della sua città, la folla lo stringe quasi incurante di chi lui sia. Tutti corrono e nessuno vede nessuno. In lui arde il desiderio d’amore, è molto tempo che sente il calore umano scorrere nella sua pelle. Il ricordo lo porta a quando viveva nella campagna dove tutto era libero e libero era anche l’incontro con qualche amica o forse amica speciale, e questo mette in lui un sorriso ,quasi malinconico ora che tutto è diverso. Ormai inutile pensare a passioni tra i prati, al profumo della pelle ed a i corpi in amore tra il verde e l’ombra degli alberi.

Poi come nelle fiabe d’altri tempi, nel suo camminare calmo tra corridori alle prese con i propri pensieri si scontra con lei, che senza osservare gli sbatte contro. Lui gentile la aiuta ad alzarsi, lei sorride e lui in quel mondo freddo e frenetico  sente il calore e l’attrazione; è come se in un attimo tutto fosse vuoto e solo loro due esistessero in quel preciso istante.
Lei forse è nell’imbarazzo, lui gentile parla e lei quasi non crede a quella gentilezza . La donna rimane stupita, lei che sente come uniche parole il dare un valore a quello che farà con il suo cliente. Ma il ragazzo che non vede l’abito ma l’essere umano che dinnanzi a lui si scontra nella casualità, invita lei per un tè. Lei in quel momento non sa come reagire , ma forse presa dallo sguardo che non vede che lei e i suoi occhi senza cadere sulla gonna troppo corta o il corpetto che indossa , decide che dire si . Il tè è una cosa che non ricordava nella sua ritualità e rilassatezza , intimo attimo di normalità, momento caldo senza pregiudizio, momento da donna libera di essere donna senza prezzo…
Parole e parole lei sente, il cuore è pieno e non fermo , il cuore batte e pulsa , non è amore è solo voglia di fare l’amore con lo sconosciuto che non chiede e non vede quello che lei è..
Lui perso nel suo parlare non osa andare oltre a quel suo modo normale di essere, e lei forse presa da un istinto ormai lontano lo prende per mano, lui non comprende ma si alza e la segue; il bar è affollato e grande , lei si dirige nei bagni e lui comincia a capire.
Lei è disinvolta quasi incurante della gente, ma dentro è in fiamme, e vuole essere spenta ora . La porta del bagno si apre, e quella a seguire , si chiude , lui è fermo ,forse imbarazzato dal luogo e il rischio. Ma il rischio è eccitante e lui si perde in questo.
Lei vuole essere protagonista, dopo troppo tempo passato ad essere il giocattolo perverso del cliente soffocato dalla sua repressione. lei vuole sentire il “vivere in lei” ,senza compromesso , vuole assaggiare lembi di pelle in tutta la loro espressione e passione crescente. Lei vuole godere di quel momento ,che sa che sarà breve. Si china e sente il sapore della vita di lui crescere in lei, un piacere muto, ma solo per la circostanza , ma pieno e caldo nel rischio di esser scoperti. Lui chiudi gli occhi e vive il piacere, non si pone chi sia il dominante nell’amore segreto dell’attimo assoluto e nascosto.. Vive il momento e basta. Lei lo fa sedere sull’unico sostegno presente , in bagno… Lui in tutto il suo vigore attende e lei come un mare agitato fa di lui il naugrago dell’amore impetuoso . E’ un moto ondoso il movimento di lei , lento e intenso, caldo , molto caldo. lui la stringe la accarezza come una rosa, lei vive il suo piacere senza timore e sente che il fiume arriverà presto in quel mare dove lui naufrago è immerso , dove lui è dentro..  Pelle nel mare, pelle e piacere, esplosione di calore, e tutto è unito ora in quel mare . Il fiume che sfocia nel mare e il piacere è culmine e fine allo stesso tempo.

Ormai possono solo rivestirsi e andare, escono , una porta poi l’altra , l’uscita. Si osservano , non vi sono parole solo  un sorriso , un bacio…
Lei dice che deve andare, lui la ferma la osserva , lei si gela pensando che lui abbia compreso cosa sia lei, lui semplicemente le lascia un numero di telefono, lei ha gli occhi lucidi ,Donna libera da tutto e viva nel suo esistere in un momento caldo d’amore. Prende il numero di telefono del ragazzo, e si incammina per quella strada dove un nome non lei non ha più.
Tutto può essere ora quel che accadrà ….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: