Lascia un commento

Felicità 

La felicità risiede nell’uno.È in noi e nel tutto e noi siamo uno. Siamo spazio infinito nelle infinite possibilità , libertà e non pretesa poiché tutto accade senza pretesa . Sposta gli occhi addormentati, verso ogni tua felicità ma ricorda nessuna sete può essere spenta perché Berrai è avrai sete . Nessuna totalità puoi vedere in nessuno la perfezione è nel cosmo , attingi senza pretesa ed eleva la felicità per la semplice voglia di essere tu felicità . Abbatti ogni forma di ricerca ed essa in te fiorirà sempre più , avrai totalità e potrai risvegliarti dal sonno della mente che cerca , distrugge, pretende e poi ti piega . Alberga nel cuore e nelle sue stanze infinite , osserva senza giudicare e vedrai con occhi nuovi quanta felicità è bellezza c’è . Prendi di ogni cellula di vita il meglio , danza senza voler sempre sentire il suono unico , perché la mente inganna , osserva , libera ed espandi . Niente e nessuno sono perfezione , siamo maestri e allievi , siamo connessi tra noi ma da noi non pretendiamo che il bello che ne tempo ci rende solidi . Non c’è rinuncia nell unicità , c’è ricchezza , osserva senza pretesa , osserva senza sopire , muovi lo sguardo e vedi che la felicità è sempre stata tua , non c’è perfezione se non nell elevare ogni parte buona attingendo al bello senza timore , preservando noi stessi, non distruggendo per cercare . Sarà sempre vano l’intento per chi osserva senza vedere . 

Lascia un commento

Occhio nuovi 

Con occhi nuovi voglio vedere ogni attimo di noi . Pelle che sfiora l’altra è sentire di appartenersi in uno spazio vasto .

Osservo e non conservo il tempo passato , non c’è sempre la rugiada al mattino , voglio tepore , voglio la pelle che si increspa , voglio assenza di parole davanti al mare , voglio la vastità degli occhi come specchio di due paesaggi . 

Voglio perdere il senso del confine poiché nel mio amore non conosco che me stesso nella vastità del cielo , ed è la che voglio sognare senza mai più cadere al suolo .

Voglio senza pretesa , appartengo senza possesso , trovo la via senza mappe certe , navigo e non temo .

Mi rivedo e sono io , come un tempo ma mai identico . Osservo dal questo prato le farfalle che si nascondono in me , si sfiorano ed io sento la vita e la sua bellezza. 

In ogni mio vorrei c’è una traccia di noi che non delimita , che non precipita , sono solo emozioni , sono solo allusioni come quando arrossisci al primo bacio .

Lascia un commento

Remoto

Ogni momento troviamo nel punto più basso l’energia creativa di ripartire nel viaggio al centro di noi stessi. Io vento di ogni nostro più remoto dolore affiora all’istante e ci porta al punto più basso di noi stessi fino a perderci totalmente , ogni più remota paura affiora alla tua presenza del qui e ora ed è li che prende vita la risalita verso i gradini più elevati di te stesso , per ritrovare il senso presente di te stesso . Devi saper affondare davvero per capire come risalire , un percorso che si ferma per ogni giorno a noi concesso in questa esperienza terrena. Ogni qualvolta sentiremo il freddo , i muscoli entrare in tensione avremo paura e la paura ci divorerà perché non saremo presenti alla verità del remoto . La regola della causa/effetto è qua che si manifesta e l’energia svanisce . La causa risiede nelle nostre memorie cellulari remote e chi oserà muovere le nostre cellule in modo diretto o non diretto sarà il movente della nostra consapevolezza di guarigione . Sarà il colpevole è l’eroe al contempo , avrà mosso in noi il punto più basso ma sarà il trampolino al punto più alto . Avremo il senso del cambiamento attraverso L inganno della mente e i suoi alibi perfetti che possono solo mostrare un presente ma che impediscono l’accesso al passato perché è lì che abbiamo abbandonato l’energia vera quella senza fine . Avremo l inganno e l illusione a farci sopire perché davanti a qualcosa di così grande basta indietreggiare, basta perdere il senso profondo della regola causa effetto e il punto focale sarà vano . Ci sarà sempre un colpevole a giustificare la nostra caduta , la nostra paura , il nostro fallimento , il punto non è basso ma centrale è accadrà lo slancio che mai porterà alla vetta . Solo quando riconosceremo il remoto come unico motivo di ciò che ora accade avremo il privilegio della luce e non Saremo l’effetto ma la causa che motiva la nostra risalita attingendo a ciò che abbiamo disperso nel passato . Avremo il senso stesso dell’universo che si perde all’infinito eppure può contenere tutto . Non è materia , è ben altro. A poco serve la malattia curata quando la causa è solo lenita da un presente al presente è più lontano l’origine del male . Eppure non si può spiegare tutto , non c’è logica nella non materia , c’è una luce da recuperare nel buio del remoto , ed è la che il coraggio dovrebbe spingerci . 

Lascia un commento

Involucro 

Quando c’è qualcosa di grande bisogna tenerselo, e coltivarlo senza fare in modo che esso ti schiacci. Non è la sottomissione ad esso la vera gratitudine ma la consapevolezza di proteggerlo nel modo giusto. Chiarezza ed emanazione sono l’involucro giusto , e seguirsi senza egoismi inutili , sono il concedersi e non il sottomettersi . Prima di essere un noi siamo un numero primo divisibile solo da se stessi ,allora il concedersi trasforma molto . Siamo nel diritto alla serenità che vive non nel controllo, anzi. La rigidità spezza l’elasticità allunga ogni nostra tensione e se siamo rilassati siamo meditativi , non diamo spazio al chiacchiericcio che mostra al di là del suo vortice le paure , rilassati profondamente , attingi all’energia dell’amore , fa che esso sia involucro vero e non catena , preserva il vero è il mistero mettilo nel voler sapere della vita , perché le persone si aprono da sole quando fioriscono nella loro primavera , oltre loro la primavera è più vivida ed è li che ad ogni istante fiorisce altro . Il gioco è sottile , esile è invisibile come l’amore , però l’amore cura l’incurabile il resto in modo inverso ammala ogni cosa . Siamo limitati per fare una esperienza illimitata e l’universo conosce le leggi e noi ci inchiniamo ad esso . 

Lascia un commento

Nascere 

Nasco per esprimere me stesso, nasco per incontrare chi mi mostra ogni mia fragilità e mi rende ogni giorno una persona che della mia libertà ne è compagno. Nasco per non fermarmi al mio passato, nasco nel dentro il buio e accetto la sfida nella luce , cresco potendo ogni giorno incontrare l’amore e la luce che mi illumini una strada . Nasco senza sapere e conosco il valore degli altri con esperienze . Rispetto ciò che altri non hanno o non mi fanno sentire perché in me non sempre questo è vera necessità ma resta solo una mia paura di sentirmi non visto e elevato , accetto ogni polo se nel mio riconoscere vita è morto ad ogni giorno posso rispettare il mio cuore è ciò che in esso vive. Amando e amandomi riconosco la libertà e non baratto il volo vero perché ho occhi fermi e non credo che sopra ogni cosa che vedo non ci sia altro da mostrare . Nasco ogni giorno, sapendo che ogni giorno ciò che mi fa soffrire è solo una traccia d inchiostro nell arcobaleno . Io nasco da umile uomo non barattando il mio sentimento per un rischio che non mi prendo , vado insieme ad esso non contro . Osservo il mio nascere essendo verità e onoro con gratitudine chi osa con me la ricerca del vero. Solo così conosco il punto più elevato della mia libertà che al primo mio giorno di luce mi è stato concesso da questo universo. Riconosco nel mio cammino il valore della vita sbagliando , nella mia consapevolezza accetto me stesso e chi diverso da me si rende partecipe con me di qualcosa , poiché l’amore mi ha confuso a suo tempo il lato che credevo diverso di me in altri per poi dirmi che in quella speranza che non ho trasformato in fiducia avrei perso chi più amavo. Solo dopo la mia consapevolezza ha mostrato paura di evolvere e di nascere nel nome del vero amore . Dicendo che ogni esperienza che non vivo osservando in modo diverso mostra solo il buio che nel grembo materno mi proteggeva era amore ma era buio non luce . Ho imparato che ogni giorno nasci proteggendo troppo di te per paura che qualcuno ferisca eppure in ogni ferita c’è solo un po’ di noi e non sono gli altri il difetto in questo amore che pulsa. Nasciamo in attesa di uno specchio sotto forma di persona , è l’amore che chiama . Ci mostriamo per quel che siamo in quella purezza divina del primo giorno di luce , non c’è più esperienza che conti , c’è la nostra nudità che si inchina all’altro è purezza e specchio , l’amore più elevato deve mostrare ferire e dolore poi sopirle per sempre , perché l’amore è la cura vera . Ci farà chiedere molte cose , ci metterà alla prova , vorrà che accettiamo l’amore e non un surrogato che accomodi la nostra paura e pretesa , stiamo nascendo in nome di ciò che già la vita ci ha dato . In questo nascere e conoscere l’amore la legge dell’universo si svela , difficile trovarsi , spogliarsi , specchiarsi e morire per rinascere , non cadere nel tempo e la paura e tenersi senza esitare mai più , perché saremo morti dentro molte volte ma rinasceremo per conoscere quell eterno che solo chi osa nell’amore incontra e non baratta con mezze vie che solo l’amore falsato ti fa conoscere . Ed è vero che il primo amore è nato nel grembo materno dell’amore , ma era buio ora tu sei nella luce e non conosci ogni lato se la paura ti mostra l’ombra , allora spostati con il cuore e osserva oltre la luce non è persa , sei nato per la luce .

Lascia un commento

Persone che brillano 

Strana visione ma che trova un perché Chi nella vita è brillante ha risolto molte cose del suo passato , non si incolla al miraggio ma eleva l’immagine di se stesso e concretizza senza incolpare nessuno dei propri fallimenti . Si mette in gioco e scarta le scorciatoie sapendo che in se stesso c’è sempre una carta vincente . Conosce bene le regole perché non vede una mancata libertà ma un sano confine , non corre dietro al gregge e non cede alla scorciatoia per necessità , ed è vero perché non perde il senso dell’obiettivo e all’obiettivo arriva . Certo può rivedere le cose , ma resta saldo perché i fatti gli danno ragione . La vita la vede in grande ed è per questo che cerca in grande e ottiene il massimo . Ha fatto pace con il passato di fatto, ha lottato per collocare ogni tassello al suo posto ed è per questo che usa logica e cuore in una bilancia perfetta al grammo . Non è un miraggio questo , ma una regola pressoché assoluta. Certo esiste l’eccezione e questo si manifesta in chi è folle e della sua follia corre contro corrente , questo rende vita all’innovazione , quindi a persone rare e invincibili . È inutile chi vive di limiti vuole chiedere e incolpare e nascondere di ogni necessità con la parola virtù. Ma c’è differenza tra i vincenti e i perdenti , io compromesso ne è la risposta . Le persone brillanti accettano i compromessi per cuore , ogni tanto , e comunque conoscono nel proprio passato poiché ha insegnato a loro, una regola assai vera , non ci sono sconti, su cui attingere ma soluzioni pesate sul quanto dai prima poi avrai , inutile perdersi nel concetto dell incondizionato poiché vive in alcune cose ma si trasforma in alte in pretesto , un movente nascosto che poco serve e delle due sei tu il servo . Le persone brillanti arrivano dal punto più lontano in un percorso perché saltare le tappe significa barare, ma avendo una coscienza corrono semmai più forte e a un certo punto della vita si rilassano quando all apposto di tutto quello che c’è scritto qualcuno ci corre dietro tutta la vita senza trovare fine , scossi da giustificazioni , che appagano subito è un attimo dopo ti fanno correre . Allora è così che il senso presente osserva il passato e ti chiede quanto sei disposto a non vedere un futuro . Tutto è una scelta in un punto di partenza corretto . 

Lascia un commento

Bellezza

Alcune bellezze con il tempo sfumano altre restano e migliorano . Alcune bellezze sono come il vino migliorano nel tempo, il vino in effetti se lo usi per cucinare sfuma ma migliora ciò che cucini . Quindi il tempo mostra molte cose, solo per chi non sa pazientare diventa nemico ti lega alla bellezza presente che sfuma mentre tu invecchi cercando di fermarlo mentre tutto va avanti . E osservando lo specchi ti vedi e vedi tutto e fermi dentro te qualcosa , anche la bellezza così facendo conosce l’illusione che resta l’amara consolazione di un giardino in fiore ma che frutti non ne fa. C’è bellezza in ogni attimo , in ogni angolo, nel lato opposto alla ragione , al polo opposto di una paura che accieca , c’è bellezza oltre ogni cancello che prima conforta e poi ti sottomette, c’è bellezza ovunque . Ma la bellezza è eterna solo per chi sa andare contro , per chi matura distante, per chi lascia una strada piangendo e dalle proprie lacrime trova perle. Non c’è nulla di certo dentro ad una filosofia , c’è la vita che la cambia ogni volta ci rivediamo in una bellezza che consola il lato peggiore di noi , inversamente c’è qualcosa di più vero: la gratitudine a chi nonostante tutto non ha maschere e quando perdiamo bellezza ce la sa ridare ogni volta , sottovoce, con un gesto del cuore , con un segno che tocca la parte deforme di noi rendendola bella .