Lascia un commento

Poesia …

Sgrana questo tempo

Per chi tempo non ha , il tempo poi ritrova

Un ciao come stai a non dimenticarci mai , tutto come prima

Nulla si è perso e tutti si ritrova . Punto a capo , pausa , respiro

Vita

Lascia un commento

Il regno delle ipotesi

In questo fiume di parole non resta molto da raccogliere , solo ipotesi . C’è un regno con assoluta sovranità che incalza e si crea , noi siamo circoscritti in esso poiché una verità sembra non esserci . Questa lotta incessante dei numeri diventa un fattore matematico con troppi dati mancanti, allora i più eroici creano una equazione di soluzione. Peccato direi che solo di ipotesi non si possa nutrire in nostro coraggio interiore .

Il regno delle ipotesi prende spazio e noi confinati cerchiamo di scavalcare queste barricate che ci circondano . Ma nulla è impossibile riuscirci , la sensazione che la verità venga eliminata in quesito immenso motore di ricerca . Quasi sottomessi da questa inutile sovranità vestita di premura andiamo avanti giorno dopo giorno . Siamo nello spazio alla ricerca di un pianeta visto da lontano, ma non troviamo mai una terra promessa per riprendere la vita che avevamo . C’è troppa ipotesi creata da chiunque possa parlare per tracciare una rotta certa , siamo alla deriva e nemmeno ce ne rendiamo così conto. È si siamo ignari di una verità solida che possa farci davvero coraggio , nonostante tutto il regno delle ipotesi e dei teatrini si espande e noi restiamo esiliati al suo interno . Ormai con un grido sommesso ci aggrappiamo a piccole parole di quelle fiabe che si propagano in ogni lato. Si ci aggrappiamo come anestetizzati , in verità c’è qualcosa che non si comprende e nonostante i fatti slittino sempre noi restiamo a fare gli spettatori di questi teatrini . Di fatto ogni logica si spezza, c’è chi si eleva a padre totalitario e chi si oppone come la nuvola che possa accogliere tutti . È così irrealistico questo rumore dentro il regno delle ipotesi .

Di certo di filosofia è il contenuto delle ipotesi ed è per questo che ben poco ci nutre allungo . Siamo alla resa dei conti e i conti non tornano , questo oste è latitante eppure noi ci aggrappiamo alla speranza . Di cosa sia giusto o sbagliato ormai ne perdiamo le tracce perché ce chi lavora una vita e non ha nulla e chi vive nella sindrome del wonderlust immaginario ha qualcosa . C’è una fila senza fine di chiede e poco da è un silenzio esemplare di chi ha sempre dato e poco riceve . Nel regno delle ipotesi si capovolgono come in un quadro astratto che non comprendi le parti . Nonostante questo il silenzio di massa è totale .

Il regno delle ipotesi crea spezzoni di propaganda come un rebus da finire , forse non è un gioco ma un sottile modo per affinare la nostra idea verso qualcosa che non possiamo definire . Vantiamo la voglia di spiegare come si dovrebbero fare molte cose e poi in un stato di coscienza ci perdiamo senza trovarne uno forte . Il senso del diritto e del dovere è morto sotto la pretesa di essere , come in un circo dove tutti credono di essere protagonisti . Non è così che funziona il senso più alto che aiuta ognuno di noi , nonostante lo sappiamo e ne siamo consapevoli ci rassicuriamo senza una verità in tasca e un giorno dopo l’altro attendiamo che la gabbia si apre. Quando i cancelli si apriranno non ci sarà nemmeno la cornice del quando che vedevamo , non ci sarà perché non si può creare senza una visione vera e un valore condiviso . E se ci lamentiamo dobbiamo ricordarci ogni giorno che i contorni di questa storia non sono nati pochi mesi fa, ma hanno radici lontane di un albero mai addrizzato da giovane e dove tutti nelle sue fronde siamo stati all’ombra comodi . È semplice mettere in evidenza nel regno delle ipotesi un fatto toccante che possa offuscare la totalità di ciò che è e accade . Ogni singola storia non crea se non unità un racconto coerente , resta un libro di storie e non un viaggio lungo di mille pagine .

In questo regno dal sapore antico ormai restiamo immobili in attesa, senza concepire qualcosa che ai più sfugge . Non è una teoria fatta di complotti anzi, è la somma di ciò che in tempi non sospetti abbiamo seminato e questo deve essere il monito . Ora ogni giorni vivi di speranza procediamo e quello che più spaventa è la non conoscenza di come in realtà sia questo regno. Appaiono parole che non conosciamo , in esse spiegazioni fatte di frammenti , appaiono promesse con il senno di poi come briciole da seguire . Comizi svolti fino allo stordimento totale , accuse come in un asilo fatto di capricci e noi impassibili osserviamo con la ola da stadio .

Se potessimo sentire il sacrificio fatto da noi e da chi prima di noi l’ha fatto avremmo una visione diversa di questo finto paradiso di ipotesi , ma la comodità creata nelle generazioni a seguire, i messaggi da noi trasmessi per le nostre mancanze , l’educazione ormai spersa tra pretese identità singole e ben poco civiche creano questo regno delle ipotesi .

Lascia un commento

In te confido

In te confido e ripongo , ogni mia fragilità . Vero o falso che sia, io unisco me alla tua energia .

In te confido poiché sei spazio ed io mi rassicuro , in ogni tua forma e dimensione in te posso essere forma . Non c’è geometria ma solo spazio e libertà . In te posso viaggiare e trovare , in te posso essere essenza imperfetta .

In te confido e li libero , mi espongo e non mi respingo , mi mostro, e mai sono trasparente .

In te confido , perché se in pochi dobbiamo essere almeno giusto possiamo restare , non perfetti e ne uguali , ma complementari .

La poesia salva l’anima da quella stasi del tempo e permea parole taciute troppo a lungo, in essa si spiega molto di più di quel che si pensa . Lo stesso pensare esamina e circoscrive anche se a volte è essenziale in questa vita. Ma noi cerchiamo oltre a ciò che pensiamo e come tale ci vuole altro . In un tempo dove tutto è a disposizione c’è qualcosa che non è disponibile , è il senso d’espressione che non può ne trovare ne acquistare . O lo possiedi o non esiste e se esiste gioca nascondino dentro di te .

In te confido , perché solo non posso arginare il colore che cerca la tua tela .. in te vedo un modo da colorare e tu esisti e vivi con me . Tutto è relativo in questa nostra avventura . C’è un viaggio da compiere senza terra e confini nel mio colore in te confido , poiché tu lo puoi usare in quella tela unica ma essenziale .

Eppure in ogni falsa rima c’è una promessa al vento , il vento porta via qualcosa e lo sparge lontano . Ci vuole questa esperienza così volatile per capire cosa resta di così tangibile , perché quando tutto si blocca e diventa incerto abbiamo bisogno di sognare e vivere un po’ di più . La falsa rima è solo un concetto uscito ubriaco e che nel tempo mostra la sobrietà di un pensiero vero .

Lascia un commento

L’odio vince la paura

Ci hanno raccontato che l’amore vince su tutto, ci hanno ingannato l’odio vince la paura .

L’odio questo sentimento opposto, questo sentimento mentito spesso e tenuto segreto ha forza. Vive di coraggio, vive nascosto in ognuno di noi . È rinnegato e esiliato , confinato in quella prigione che tutti dicono debba stare , eppure lui è così libero in tutti noi … l’odio si nasconde dentro ad ogni nostra celata bugia , lui vive e respira dove noi crediamo che non debba esserci .

Ci hanno detto che l’amore vince sempre su tutto, ma non hanno mai detto che dell’amore puro pochi ne conoscono la vera essenza , abbiamo preso l’amore e in esso siamo cresciuti . Abbiamo creato confini con l’idea di difenderlo e di elevarlo . Abbiamo nel nome dell’amore cercato l’amore , ci siamo eletti noi a legge sfuggendo alle sue regole . In nome dell’amore abbiamo creato guerre , e distrutto molto di quel che ci circonda, non era amore era odio che nutriva il nostro coraggio di agire , avevamo solo un velo sottile a confondere la suprema verità. Non era amore era odio , un odio vero verso ciò che abbiamo usato senza limiti . Abbiamo in nome dell’amore preso posizioni senza logica e pure questo non era amore ma bensì odio . L’odio muove senza temere , è un sentimento forte e profondo che non conosce le azioni e chi o per cosa le facciamo è radicale , è molto più profondo e ben poco distingue .

Noi abbiamo sempre avuto bisogno di essere motivati e affascinati e questo che ha distorto il senso tra amore e odio : l’amore semplicemente ama , l’odio crea molto di più e in modo espanso si dilaga , si trasforma in sembianze diverse e ci confonde.

Ci hanno mentito inconsapevolmente su cosa sia l’amore e l’odio , su questa lotta eterna senza confini . Tutto accade per un motivo e in questo ci sono le risposte . Tutti noi viaggiatori del tempo e dello spazio cerchiamo risposte , cerchiamo per consolare noi stessi e l’amore mancato che sfugge , che ci sfiora ma mai fiorisce davvero . L’amore cerca ma non le risposte , cerca semplicemente di “essere”. Invece noi non siamo in quella verità di “essere”, noi cerchiamo l’appartenere , noi cerchiamo il diritto di proprietà in tutto, ecco questo lo muove meglio l’odio poiché per possedere si deve essere disposti ad andare contro paure indicibili e tal volta pure tragiche , in tutto questo non può esserci e mai ci sarà amore. Abbiamo voluto un amore bugiardo invece che un odio sincero che poteva essere trasformato in un amore vero , c’è così differenza tra il mentire e rendere le menzogne così vive da essere quasi protagonisti veri in una verità che ci fa lottare . Questo umile amore non lotta esiste e si moltiplica senza nessun sforzo , senza far rumore , senza nulla togliere .

In nome del nostro “io” abbiamo creato un mondo nel mondo ma a quale prezzo? Il prezzo di perdere la purezza dell’amore per abbracciare la durezza dell’odio , c’è troppo fallimento nascosto in ognuno di noi che cerca perdono . Eppure nessuno vuole un perdono in ciò che crede un diritto , l’odio è il diritto massimo che esprimiamo per scavalcare ogni nostra paura, per somigliare , per sentirci protetti , vestiti e mai nudi dei nostri sentimenti veri, si quelli più fragili che in realtà sarebbero forza vera.

L’amore non ha mai chiesto di credere esiste , l’amore non ha mai chiesto nulla di tutto ciò che noi professiamo . L’amore è la galassia che tutto include e nulla trattiene . Vive e si replica nel cuore in quello spazio illimitato. Eppure qualcosa è stato confuso e in quella confusione hanno dilagato eleganti parole , si sono mosse le masse . Inutile dire che la contraddizione è il paradosso sono la più semplice spiegazione della vita stessa . Nessuno forse potrà accettare che l’odio nascosto è più vivo dell’amore manifesto, ebbene la verità crea dolore ma mai paura, se del dolore nella verità ne siamo un po’ portatori l’amore ha messo in noi il seme della rinascita. Se la paura muove ogni nostra azione dell’odio ne saremo sempre portatori , avremo bisogno di manifestare per difendere , avremo la necessità di urlare per spiegare e creare quella forzatura che serve a non farci sentire sottomessi o sbagliati . Il vero errore è solo non averne una verità Di cosa noi portiamo in noi che ci fa muovere di più . Una strana bilancia intangibile quella che ci appartiene e se potessimo soppesare azioni e parole dividendole in quei piatti uno dell’odio e uno Dell’amore , vedremmo una verità diversa . C’è una realtà nascosta da scoprire e questa resta l’unica resurrezione che eleverà la nostra anima . È vero non siamo perfetti , anzi siamo giusti nella nostra imperfezione che permette la crescita e la sperimentazione di questa vita , allora consapevoli di questo possiamo vedere tra le righe delle nostre azioni . Possiamo ammettere se l’odio è più forte dell’amore e se forse si possa ogni tanto fare un passo indietro . Ci vuole coraggio ad affrontare la vita con meno odio , ci vuole coraggio a portare l’amore dentro di se quando con l’odio si ottiene di più . Non è un cammino facile ma nemmeno essere veri lo è . C’è troppa centralità singola per definirne un linea di verità unica eppure esiste qualcosa che in noi possa farci perlomeno riflettere su cosa sia più giusto . Esiste questa opportunità è solo uno stato di coscienza che ad un certo punto analizza il senso stretto della parola odio e della parola amore .

Lascia un commento

Siamo tutti chiamati alla vita

Non è più tempo di cercare il tempo, il tempo stesso è qui e ora.

Chiamati alla vita ora più che mai quando tutto si arresta e l’orologio corre solo . È così il nostro tempo un presente solito al vento del dolore e della paura , nessuno però tremi oltre oggi perché in questo momento presente c’è la soluzione. La vita chiama e noi diremo si , adesso io ci sono . Abbiamo fermato lo sguardo verso ciò che non si può fermare , ma non abbiamo fermato il cuore per risalire alla vita . Ci vuole cuore e verità per fermare il presente in uno spazio illimitato , un immagine cosmica che percorre il tempo e la luce la vedi ora ma resta in movimento ed è questo il senso per risalire oltre il confine .

Siamo tutti chiamati alla vita e di tutti si avrà bisogno in quella Unione che crea il cosmo giusto in questa nebulosa fatta di malattia , eppure adesso e solo adesso noi possiamo essere cura infinita . Curiamo noi e contagiamo altri con la nostra giusta energia, un’energia che illumina un cammino duro, ma che al contempo è soluzione . Lasciamo questi porti fatti di urla al vento, di personali pensieri inutili . Prendiamo le ali del nostro coraggio e voliamo in questo cielo . Qui e ora o mai più , adesso è il nostro tempo , adesso in nostro viaggio si immerge dentro di noi in quei meandri mai visti dietro ad ogni porta c’è un passio di vita nuova , una nuova energia da trattenere e condividere .

Siamo tutti chiamati alla vita e lassù nel cielo c’è la la strada della speranza . Non fermiamo la nostra immagine dentro il quadro della paura , non delimitiamo confini di paranoia per sentirci rassicurati. In noi c’è un limite sottile nel controllo e questo delinea la prigione della nostra mente . Ampliare , espanderne , elevare e sostenere la novità presente , mantra che come suono di una nave che lascia il porto in segno di partenza e coraggio ci sostiene . Nulla ci ferma e anche se la direzione non è chiara , il vento ci aiuterà . Lasciamo a casa pesi inutili, legami inutili e malati , lasciamo ogni cosa che non sia pulita . Prendiamo il necessario per partire in questo nuovo viaggio. Noi non siamo portatori di pesi altrui, ne idee altrui. Noi siamo creatori di vita adesso e siamo creatori di novità . Questo non è un viaggio pindarico , è un viaggio dello spirito libero che si manifesta . Potremo vedere come questa libertà si unisce all’amore che di noi abbiamo creando un volo vero . Abbiamo sopito troppo allungo , vittime di noi stessi e di legami malsani , siamo stati cura dell’incurabile, cavie di gregge vittime delle nostre paure , manipolati e manipolatori in nome di quel indefinito senso di appartenenza. Eppure non abbiamo salvato nulla , anzi siamo caduti davanti alla novità che ci restringe . Non c’è ipotesi logica nel presente che viviamo, sono fili a cui aggrapparsi celati da una tela del ragno …. non è irreale siamo noi che dal torpore vediamo ciò che dobbiamo vedere . Legati in nome di una libertà , questo è stato l’abisso dell’anima che ci ha portato nella vita per tutto questo tempo . È solo il tempo di spezzare queste catene perché il presente ci vuole adesso. Sarà ogni vostra volontà a darvi forza , perché in essa c’è il potere vero .

La vita chiama per chi sa ascoltare , una chiamata muta ma che in noi suona . Non c’è spiegazione di logica poiché la logica ci ha già soggiogato e confinato il fiduce che spostano la bilancia interiore . Qualcuno chiederà dove sia la spiritualità e questa sarà la prima pagina che indica . Tra le righe di ogni racconto c’è un sottofondo da interpretare in quel linguaggio universale che ci rende tutti uguali .

Non fermiamo mai la possibilità che in noi c’è , perché la vita ci chiama e noi siamo presenti ad essa , presenti al nostro si .

Lascia un commento

La bellezza non si ferma

Avete mai pensato alla vostra bellezza direttamente a domicilio? Avete mai pensato a poter avere prodotti professionali e consulenze professionali a domicilio ? #roma ad oggi è disponibile in nostro servizio on line di e-commerce supportato dai nostri migliori centri #estetici #evanuevacosmeticaprofessionale mette a disposizione questo innovativo servizio #info #direct 📩 per conoscere il centro estetico più vicino a voi ( necessario per poter accedere allo #shop e avere la consulenza diretta ) #iorestoacasa ma non rinuncio alla mia #bellezza

Lascia un commento

E commerce Eva nueva Cosmetica professionale

Lascia un commento

Le pagine di un libro

La vita è come un libro dove un po’ alla volta scopri le sue pagine, le leggi, le scrivi, segni appunti. Una storia nella storia con un finale a sorpresa. Pagine che parlano di noi e altri, di fatti ed emozioni. Ci sono pensieri che si imprimono e altri che volano oltre le parole che scriviamo. Le pagine di un libro con l’odore della carta, quel profumo di vita che in questi giorni ci tiene compagnia. Adesso tutto rallenta e scriviamo molto più lentamente, appesi a notizie e bollettini scandiamo la giornata. Poche le parole nuove e molte che riecheggiano all’infinito. Un suono che a tratti sembra un urlo , nonostante tutti i giorni passano in quella incertezza che ci circonda . Il respiro cerca profondità in quelle mura che nel tempo tolgono fiato e luce. Tutto questo somiglia ad un viaggio verso un mondo ignoto , un po’ ricorda il libro ventimila leghe sotto il mare, credo si chiamasse così .

Le pagine di un libro dove rileggendo a ritroso riscopriamo il tempo, i momenti , gli spazi . Una punteggiatura piccante e controversa emerge , un dialogo a volte troppo lungo o troppo breve . Ci sono addirittura riassunti dove qualche spiegazione in più serviva . Strana la vita quando la rileggi e ripensi, strana la vita quando in ciò che hai scritto ti mostra un senso diverso . Più rileggi più noti dettagli , un po’ sorridi e un po’ ti geli , prendi parole e quasi non sembrano le tue , eppure sei tu che le hai scritte e vissute . Non c’è forse ansia e ne paura , c’è quel velo freddo e lucido che fa riflettere . Prendi il libro e arrivi di nuovo al giorno presente , annulli ciò che hai riletto (a poco serve adesso). Osservi una pagina e vorresti mettere del colore, un nome , un luogo. Fare punto a capo e … iniziare di nuovo. Invece nulla, c’è stasi e attesa.

Osservo il libro e lo vedi immenso con tante pagine che potrai scrivere , ci sono spazi anche per le foto , come se si potesse creare una memoria ben definita . Ma è vero che la memoria a volte gioca brutti scherzi, ritorna più per la paura che per la consapevolezza o perché si sta toccando il limite. Ognuno di noi prende poi una strofa e la legge come se fosse verità unica. Siamo aggrappati alle nostre idee e ben poco uniti dalle nostre esperienze. Potremo fare delle fotocopie e noteremmo come tante cose si somigliano , invece ognuno va per se . Si è passato dalla canzone sui balconi al silenzio abissale , l’unione è durata come la sagra di paese e poi dentro le nostre mura il silenzio del nostro orto è come prima . Saranno pagine del nostro libro che rileggeremo anni dopo e ciò che resterà immutato è l’atteggiamento. Rileggeremo un po’ questo Titanic, dov’è alcune scialuppe c’erano e altre non esistevano . Troppo semplice essere uniti in un canto e distanti sui valori . Leggeremo di diritti identici, scritti a più mani . C’è chi avrà usato il sudore di una vita e chi le giustificazioni di sempre , ma nonostante tutto le parole in grassetto saranno dei “giustificanti” di chi non ha sudato una vita. È così che funzionano le cose in questo libro, gli spazi sono senza vergogna e l’unica cosa che reggerà è la dignità senza falsi diritti .

Se mettessimo insieme tutti i libri in una biblioteca globale leggeremo di come gli errori sono ammessi nel gregge finche’ un cane da pastore li circoscrive , il fine ultimo è tenere il gregge al pascolo poiché il pastore possa fruirne . A poco importa chi fa di più o di meno , poiché in un libro unico sono pochi coloro che possono sottolinearne il valore vero . Abbiamo sempre avuto bisogno di chi si prende la responsabilità per noi e questo crea qualcosa . Resta vero che non c’è e non deve esserci egoismo , ma solo una sana meritocrazia . Di fatto in un libro sono i lettori che decidono se piace o non piace , ma c’è anche la propaganda che aiuta a spostare l’ago della bilancia . Se potessimo davvero rilegare vedremmo come questo sia vero e forse potendo riscrivere pagine lo faremo , cancelleremo molto, ci aggrapperemo meno al passato, useremo verbi al futuro con coraggio e orgoglio .

Lascia un commento

Ipotesi senza sentiero

Ormai quello che ci collega al mondo esterno vive di parole legate alla rete internet . Sempre più schivi, e ben poco reattivi siamo costretti a leggere tra il vero e il falso . Le nostre libertà si assottigliano e lo spazio mentale si dilata in una forma di ipotesi senza sentiero .

In questi giorni ormai relegati in casa da molto tempo non riusciamo a creare una ipotesi di quello che sarà di noi , non in senso di malattia poiché il covid 19 è una realtà . Bollettini di guerra confermano ogni giorni che lui il virus corre veloce , ma nonostante questo il pensiero cerca soluzioni , perché ciò che seguirà da questa quarantena crea ipotesi non felici. Ipotesi che rimbalzano in ogni angolo dell’etere e noi legati ad un filo di speranza molto esile . Manca la coerenza di una linea comune e questo fa vacillare il nostro modo di essere e vivere . Forse vorremmo sapere se dopo la malattia ci sarà la povertà , ci vuole un certo coraggio a pensare così , però la paura non la freni cantando dal balcone di casa , diventando tutti cuochi. Ci vuole tangibilità dentro l’emozione e coerenza dentro la paura . La libertà inizia a zoppicare e niente è certo .

Questo scenario è quello che descrivono e sentiamo , allora inizia il tempo di lotta interiore alla ricerca di soluzioni , non è un male perché quando il limite si valica solo due sono le opzioni : alzi il collo e schiena retta, o ti pieghi per sempre . Si può osservare che isolarsi potrebbe essere una opportunità , un coltivare qualcosa di nuovo , magari fuori dagli schemi che per tutta la vita ci hanno dato una libertà apparente . Il tempo di eliminare è qui e ora, il tempo c’è per rivedere le nostre ipotesi di sentirò visto che le tracce si sono perse . Forse sembra assurdo ma dentro ad ogni abisso filtra ancora un po’ di luce . La luce è di certo molto debole vittima anche di quella matassa di pensieri che ci avvolge . Non è semplice districare dei nodi adesso è il tempo di aver coraggio nel cestinare molte cose che in noi vivevano ma che in realtà ci strangolavano . Abbiamo creato paure per una vita che a oggi sono ridicole eppure anche se in modo inconsapevole noi funzioniamo sulla paura. Assurdo ma la paura muove in noi molte risorse anche se spesso non ci permette di concretizzare nulla. Possiamo prendere le nostre risorse adesso e valutare qualcosa di concreto . I confini della mente possono cadere davanti ai confini che la vita ci sta mostrando . C’è un limite concreto che cerca di svelarci un limite da abbattere , c’è un vento che sposta un po’ alla volta la polvere della nostra mente . È vero siamo impauriti , siamo esili ma al contempo possiamo essere flessibili . Un istinto di sopravvivenza cerca spazio e noi diamo questo spazio arrivati a questo punto di non ritorno . Nulla sarà mai come prima perché le distanze non sono ipotesi ma tutela a tempo indeterminato . Come tale e senza retorica prendiamoci per mano e osserviamo il mondo .

Il sentiero adesso va riprogrammato con un nuovo entusiasmo senza confine , dobbiamo ricalcolare il percorso o addirittura farne uno nuovo , solo questa elasticità limiterà il danno . Inutile restare in una stasi mentale che a poco serve , diventiamo un po’ di più viaggiatori di noi stessi con coraggio e questo sarà il piccolo presupposto che potrà aiutarci .

Lascia un commento

Cambia la tua visione

Fino a qualche mese fa ognuno di noi aveva un programma , in una agenda della vita aveva messo sogni e promesse, obbiettivi quasi vicini e tanti “vorrei”.

Oggi come in un mazzo di carte si mescola in mazzo ogni giorno , ogni nostro programma si arresta dando spazio a ciò che non possiamo immaginare . È il dopo virus che non possiamo comprendere e nel gioco della vita il non capire disorienta un po’ tutti. Forse è tempo di cambiare e prendere ogni nostra certezza vera o presunta per riesaminarla . Ogni nostro programma cerca una speranza , eppure non c’è nessuna certezza nemmeno nel tempo . Il cambiare qua sarà l’unica soluzione è prendere questo mazzo di carte un po’ già predisposto in questo solitario per rimescolarlo ennesimamente . Non c’è una soluzione a metà, non c’è più l’altalena in quel parco giochi della vita che quasi ci lascia spazio al non crescere davvero . Adesso c’è una chiamata superiore non fatta di comunicati ma fatta di interiorità vera . Adesso e solo adesso ognuno di noi è solo . Gli spazi sono ristretti, i movimenti delimitati . La luce del sole la possiamo vedere da una sola prospettiva e le nostre parole sono come un criceto che gioca nella sua ruota perenne . Adesso e qui e ora inizia il tempo che seleziona , non c’è scappatoia nella mente ormai . Un coraggio potrà invadere ogni nostra esile paura . Faremo giri immensi per necessità e ritroveremo il nostro amore ad un palmo di mano . Ogni nostra volontà ci dividerà poiché non c’è spazio per credere che qualcuno lo farà per noi . L’inganno mentale che ci ha fatto desistere dalle nostre volontà verrà smascherato, perché il tempo così plastico di ora ad un certo punto inizierà a correre . Sarà una gara molto dura , e non per tutti . Avremo molto più freddo e paura ma sarà un sentire pulito per rinascere senza mentire a se stessi . I più forti scaleranno ogni monte pur di esigere libertà e creazione , i più debole si attaccheranno ai sintomi della mente che creerà immancabilmente ostacoli .

In ogni paura c’è una selezione interiore di massa e se avremo imparato davvero i forti, quelli veri potranno trainare i deboli . Ci sarà una nudità nuova perché siamo spogli di idee nel non sapere che sarà . Eppure il coraggio crea l’ingenio e la volontà di messa in opera . Lo spazio per i commedianti sarà più limitato perché in una selezione ogni cosa prende forma . Questa non è l’era della catastrofe anzi, è l’era di una verità molto più grande dove ad essere messi a nudo sono i nostri sogni, e le nostre paure unitamente alla nostra indifferenza di ciò che in altre modalità c’è sempre stato, ma che se non ci toccava non esisteva in realtà per noi .

Cambia la tua visione e appoggia al tuo coraggio ogni tua volontà , fa che sia il mantra che possa trasportati in uno strato più vero e essenziale . Crea una visione senza limiti , osserva un orizzonte diverso . Non c’è spazio e ne tempo ci sei solo tu e il tuo coraggio . Saprai da dove vieni ma non conoscerai dove sei destinato a rinascere, prenderai semi nuovi per farne un giardino dove lo vorrai , ci sarà un destino giusto per chi avrà compreso che nulla è.. solo una impermanenza vera che cercherà solidità da parte tua , attraverso il coraggio che hai nel tuo cuore .

Lascia un commento

Libertà di carta pesta

In questo confinamento dove il perimetro ci stritola e mette in evidenza le nostre fragilità e paure è normale riflettere sulla libertà . Abbiamo forse costruito questa libertà di carta pesta ? Abbiamo forse perso la responsabilità ? Perché la libertà ha bisogno di confini forti, di cemento armato e di alti valori . Tutto lentamente evapora come la nebbia e evidenza in modo nitido che la libertà è stata derisa e poco compresa . Abbiamo dato spazio al teatrino di interpretazione , forse troppo abituati a pensare senza pesare il senso di ciò che pensiamo . A questo punto ci vuole un moderatore , una persona che prenda le redini di questo immenso insieme di persone , un po’ smarrite , un po’ ancora incredule e ancora troppo convinte che il proprio orto sia da salvare . Questo è l’errore peggiore non poter vedere oltre al proprio orto, e un po’ alla volta la nostra libertà si assottiglia , diventa esile . Abbiamo interpretato come dei principianti nella commedia della vita e dire che basta poco leggere il copione perfetto, quello scritto forse un po’ in fretta , ma che al contempo ha cercato di lenire le nostre paure . Eppure nonostante tutto come in un collegio per colpa di pochi , un giorno alla volta , perdiamo un po’ di libertà .

La libertà deve essere una responsabilità collettiva , deve essere un inno alla vita e non un urlo al bancone di casa di venti minuti . Responsabilità è la parola d’ordine e cosa significa ? Semplicemente che non c’è spazio , non c’è tempo , non c’è nulla che si possa pensare per se stessi . Ovvero la nostra libertà vive unitamente a quella di tutti adesso e come tale ogni nostra azione errata ci frena. Non c’è spazio per osservare solo cosa noi crediamo di sapere , poiché c’è una conoscenza collettiva ben definita . La libertà fatta carta cade e ogni spazio diventa più piccolo e soffocante così . Il virus a suo tempo troverà la caduta , ma a noi cosa resterà ? Credo che nessuno sarà come prima , lo scenario a seguire non è rassicurante ma al contempo per chi ha un senso vero della libertà creata in modo forte potrà essere una opportunità . Il cambiamento è alle porte , ha già iniziato a vivere nella nostra mente e attende di entrare in quelle profondità della nostra essenza , un giorno alla volta procedere e chiede spazio . Questo spazio cancella sulla nostra lavagna molte cose che avevamo programmato. Fa spazio e ricrea , ora forse è solo una traccia esile e tremante , ma la libertà vera ci aiuterà e selezionerà ognuno di noi .

Non c’è più logica a questo punto se tutto non viene preso per ricreare qualcosa , dico questo perché in questa nostra quarantena stiamo vivendo anche una forte osservazione che sgretola molti confini . Stiamo osservando come logiche evaporano e la corda stringe . Inutile ribadire motti e regole , perché le regole creano libertà e non devono suscitare concetti diversi a mio avviso , è l’interpretazione che crea il danno peggiore . Eppure nonostante i numeri crescano e gli spazi si stringano in messaggio non riesce a penetrare in tutti . È forse un gioco questo, me lo chiedo a volte e mi chiedo se anche adesso abbiamo poco se questo poco non sia tanto . Forse bisogna osservare in modo più ampio tutto questo e farlo con la volontà di credere che a noi non venga tolto tutto e che tutto questo serva a renderci persone più consapevoli . Tutti i giorni mi chiedo questo e tutti i giorni provo a restare saldo suo concetto della libertà .

Lascia un commento

La consapevolezza ai tempi del virus

La vita è fatta di grandi interrogativi , almeno io la penso in questo modo . Il momento che stiamo vivendo è ovvio a tutti , internati dentro casa a sentire informazioni di ogni genere che come pillole entrano nel nostro quotidiano. Diventiamo ogni giorno sempre più consapevoli di come la psicosi diventi virale. Questo non dice che non ci sia il problema , anzi esiste . Sarebbe meraviglioso pensare che questo è un sogno e poco dopo svegliarci , potendo riprendere la nostra vita . Invece non è così .

Osservando da giorni in maniera dettagliata comincio a uscire dal torpore iniziale , osservo lucido e vigile tutto quello che viene detto e scritto . Esamino. Cio’ che sta spostando questa situazione è la paura unita al surreale , viene alimentata in questo modo, condivido link su link , scrivo stati social uno dietro l’altro , divento influencer con il motto : #iorestoacasa, pubblico continue informazioni false e veritiere. Questa situazione diventa ogni attimo più veloce e infinite parole si muovono dentro la nostra psiche e in modo inconsapevole dobbiamo trasmetterle a qualcuno . Potrei dire che l’informazione sia utile , ma quella vera e comprovata. Invece la libertà che si muove in internet crea anche falsi, si muove utilizzando le nostre paure e questo attiva le masse . Noi funzioniamo per la maggior parte attraverso la paura e ben poco attraverso il coraggio. Non è sfidare la vita con il coraggio in questo caso , ma restare a osservare in modo lucido senza giocare tra di noi . Spiego meglio : è come se la nostra immaginazione abbia bisogno di essere nutrita per prepararci alla situazione che potremmo vivere , è una azione di controllo involontario con un risvolto molto profondo. Fin da piccoli veniamo istruiti sulla paura per attenerci alle regole , (osservate e provate a ricordare se questo vi appartiene), è così il nostro funzionare, diventa segnato muovendo in noi reazioni e istinti legati alla paura, questo dice che ogni informazione può pilotarci in modo sottile . Queste informazioni estrapolano in noi i nostri lati più fragili o i lati più ribelli , non creano un’armonia e una sintonia presente e con una azione positiva. Avere la preoccupazione è un segnale molto corretto, serve per metterci in guardia , ma io non parlo di questo, Sto provando a spiegarvi che in massa ci stiamo muovendo per dilatare fino al limite una bolla e che così facendo ci facciamo molto male perche’ quando tutto questo finirà’ resterà in noi dolore . Avete pensato a come sarà la vostra vita dopo questo ? Avrete davvero voglia di abbracciare tutti e stringere mani ? Avrete in voi la libertà di non pensare che ogni cosa sia infetta ? Io credo che una parte di noi farà molta fatica a riprendere in breve tempo le proprie abitudini , la fiducia c’è in merito e la speranza che non sia così è forte .

Sono anni che osservo gli atteggiamenti in internet e come ampliano quelle parti di noi che nella vita nascondiamo . Ovvio non è una scienza esatta la mia ma una semplice visione a mio modesto parere. Però questo funzionare con tutte le nostre emozioni che esplodono dentro la nostra testa ogni tanto portano a stravolgere la nostra realtà . Pensate a chi si innamora in una chat e crede che sia vero . Non voglio dire che tutto sia riducibile a questo . Osservo però che dall’uscita della notizia del virus la nostra vita è immancabilmente cambiata nelle nostre abitudini e che in rete ogni nostra azione si è spostata in modo spasmodico a condividere solo questo . Avevamo bisogno di avere paura ? Io me lo sono chiesto molte volte . Cerchiamo qualcosa in questo ? Dobbiamo manifestare qualcosa ? O possiamo apprendere che qualcosa si possa vedere in altro modo . Diventa difficile sapere una verità assoluta , forse la filosofia può aiutarci , o forse noi umani dobbiamo toccare il limite per credere di poter superare tutto ? Quello che sto dicendo non contiene un messaggio di complotto, resta un’ osservazione sulla interiorità di noi stessi e una constatazione di come la paura possa muovere le masse . La storia ci insegna che una grande comunicazione muove le masse , che far perno sulle nostre paure fa lo stesso effetto, che il violare la nostra libertà ipotetica le muove . Fatevi una domanda arrivati a questo punto : come è fatta la libertà ? Fate un passo indietro nel tempo, osservate cosa non avete mai fatto e ora vi proponete di fare , fate un salto nel tempo e chiedetevi se ogni vostra paura abbia una giustificazione valida . Il problema di oggi non è un sogno, è reale , questo cambierà qualcosa che ci piaccia o no .

Io personalmente ho sempre cercato di capire e capire a sua volta , facendo un viaggio dentro me stesso sempre un po’ di più in profondità , questo non mi ha tolto tutte le mie paure però alcune le ha lenite . Il gioco dell’immaginare per rendere reale non ha creato un prepararsi mai adeguato, poiché in ogni scenario ci sono troppe sfaccettature che non possiamo controllare. Detto questo , il mio pensiero , una mia sensazione , spero che si faccia un passo indietro per poter osservare ciò che abbiamo dentro noi sottovalutato per molto tempo e che questo ci insegni a vivere con una armonia più positiva la vita . Spero come lo spero da anni che scrivo , che la paura cali e aumenti l’amore , la felicità , il senso coerente della vita e di chi ci circonda . Spero che ci sia un mondo giusto e pulito per tutti , un mondo forse diverso di come lo vediamo a volte .

Ad oggi la nostra vita è il valore assoluto , ricordiamocelo . Ad oggi solo uniti possiamo fare qualcosa di bello . E ogni cosa brutta poi passa come ne sono passate tante … di fondo noi siamo un oceano che ad oggi sbatte contro uno scoglio , ma che mai si può arginare .

Lascia un commento

Il mondo fatto a scale

C’è un mondo fatto a scale e c’è chi scende e chi sale. C’è un mondo di gradini che per paura causa invisibili confini . Ci sono troppe parole e troppe rime che ti fan sentir solo . Nonostante Tutto c’è una esperienza sottile dove noi siamo tirati in causa, di questa casuale vita forse già troppo scritta per noi da chi nella sua mancanza crede di farci sempre del bene e di debolezze di colma . Il nostro cuore batte per paura molto più volte che di gioia , c’è una abitudine così grande che non vediamo nemmeno la differenza tra il battito per paura e quello fatto di libertà .

Una strana scala ci circonda e ognuno esegue i passi sulla sua, non curante e inconsapevole che non sia mai una scala per tutti, c’è chi vuole seguirla ma in discesa riesce a prenderla per poi perdersi in in una ricerca infinita per sentirsi di poter volare . Siamo fatti di una sostanza egoistica giustificata , di paure trasmesse e spesso incurabili . Non cerchiamo la via vera poiché il mondo è fatto a scale e durala salita quando il vento dei sensi colpa ci soffia contro . Allora giochiamo a essere piccoli , così da poterci nascondere in ogni nostra assurda giustificazione . Il senso malato del dovere che possediamo è solo il frutto virale della paura che ci accompagna . Si vorrebbe conoscere il segreto della vita e delle opportunità che possediamo , ma del coraggio vero non ne troviamo mai, rimandiamo al giorno che non esiste all’infinito come se il tempo non fosse padrone di noi . Curiamo ogni male con fiumi di parole , poiché di parole non scritte siamo artisti veri. Non c’è nulla da curare se siamo “sani” noi e se il mondo è fatto a scale siamo noi a dare inizio a i nostri passi . Non c’è cura per malattie inesistenti, è la paura a muovere le masse e le idee finte. C’è solo la volontà in noi di prenderci per mano e di camminare senza timore, il nostro cuore batte un po’ meno senza paura e ogni suo battito è melodia .

È divertente poter osservare come in questo mondo fatto a scale c’è chi cammina parlando , sostenendo e essendo il non senso della ricerca vera, le parole scavano sulla pietra il silenzio nell infinito. Eppure parole su parole , scale su scale, credersi per poi dimezzarsi nella stima di noi stessi crea ad ogni attimo falsi ideali di vita. Magia della sorte creata per curare falsi malati che a sua volta crederanno che tutto si debba curare, migliore , che si legano a valori non propri , ma che alla fine respirarono e restano vitali solo per un cuore che batte per paura. Chiedetevi che sia la libertà e osservate bene la risposta . Non somiglia a nulla di ciò che pensiamo e che ci insegnano . Non ha maestri ne cure . È semplicemente la via consapevole che oltrepassa il limite di passi che ci insegnano verso una scala che noi decidiamo in modo equilibrato . Per ricordarsi meglio si pensi che la mano che aiuta è sempre la nostra e quelle che chiedono sono spesse quelle altrui in una bilancia ingiusta e in una spiritualità falsa . Si la spiritualità ormai trasmessa come una serie tv a puntate , retoriche del mondo fatto a scale ma con la costante della paura. La spiritualità non può ribellarsi perché se no direbbe: se perdi la paura e conosci l’accettazione da te elaborata, se sei costante della tua umile disciplina non cercare i rimedi per il mondo , cerca un rimedio per volare nella libertà che ti appartiene . Dosa la parola, riduci le idee alle tue esperienze . Non approssimare nulla, non idealizzare per sentito dire . Sii spoglio di quel veleno trasmesso a fin di bene, perché il bene non parla , ma al contempo crea sani confini , fa scegliere e decidere in modo che il tuo mondo risplenda in ogni tua azione .

Lascia un commento

Un peso due misure

La frase che tutti hanno ripetuto nella vita almeno una volta : un peso due misure ! Si, sembra banale ma non lo è . Dentro questa frase ci sono dettagli di vita, di spiritualità , fiducia .

La vita per essere elevante conosce la strada della verità . La stessa verità libera da ogni situazione ferma nel tempo. Elimina le ansie , le fobie , fino a trovare in noi una mano da stringere , ci sostiene sempre . Applicare misure diverse con unico peso elimina una parte di verità in noi : i lati oggettivi . Senza oggettività il cuore batte sempre a metà . Falsa la sensazione che un grande cuore non conosca logiche poiché tutti noi, volendo o non volendo abbiamo già un piano interiore . Abbiamo una strada fatta di esperienza e ogni tassello in più si mostra con la verità . La stessa spiritualità non arriva mai senza equità di fatto, di pensiero e neutralità . Elevare a misure diverse è il sintomo malato di un equilibrio inesistente . Esempio : se il sole è rosso a nord non è più rosso a sud, è rosso ! Invece per effetto delle nostre paure, radicate nel tempo e limiti non troviamo spesso L equità che la spiritualità richiede . Dentro la spiritualità c’è un equilibrio tra anima, cuore e mente. Se la mente applica un peso e due misure il percorso è vano. Limiti su limiti pregiudicano il nostro cammino senza mai riportarci in quel cosmo a noi destinato . Nello stesso perdono se pensare esiste un giusto limite che crea equità , il confine è la regola . Per tanto la parola che si avvicina a libertà e verità è un sano confine equo e elevante per noi . Se pensiamo alla stessa frase : un peso e due misure , la fiducia è labile. Solo in una equità interiore e intellettuale si crea una fiducia piena . Diversamente è una fiducia da darsi con molta riserva. La verità vera crea la fiducia vera e la spiritualità massima . Nessun elemento di questo cosmo unico si sposta per idee senza equilibrio . Una bilancia che si incastona perfettamente nell’universo, senza mai spostare nemmeno la polvere delle stelle . Come tale non siamo noi umani a poter modificare una legge unica . I grandi profeti , pensatori , illuminati ecc , hanno dato spazio a questo equilibrio senza mai limitarsi . Hanno sostenuto cause ma con una visione di insieme perfetta : un peso una misura . La stessa matematica non la modifichi per come sia e al contempo assurdamente diventa utile nella ricerca interiore . Noi tutti siamo poeti e matematici, ma in questo solo un sano equilibrio crea la via interiore nella verità . Nulla può pendere a senso unico , poiché la vita è contraddizione stessa , ogni regola è unica e ogni cosmo uguale .

Lascia un commento

Libertà

Libertà è potere e calma , pensiero indipendente senza nessun piedistallo nel cuore . Libertà è potersi confrontare senza perdersi in quel sentiero inutile di pretese .

Libertà è vita imprescindibile, è poter vedere ogni cosa per quello che sentiamo a noi arrivare .

Libertà una bella parola che non conosce questo accelerare il battito del cuore, la paura, l’obbligo . È vero che la libertà conosce una mediazione , ma in essa solo un grande cervello aiuta a comprendere i termini sottili .

Libertà è la status di pochi , ricchezza non in vendita dentro la vita. Poiché la libertà la guadagni solo se del coraggio ti vesti. Libertà non conosce la la parola “prescindere”, non conosce la frase “partito preso”. Ci vuole una verità nel cuore speciale e una mente come la roccia per essere portatori di “libertà “.